La nostra storia

Primo stemma della squadra – Dal 2003 al 2007

Patavium 2003, nasce da un’idea di Matteo Venturini, il quale sognava di creare una squadra di calcio. Con l’aiuto di Nicola Valentini il progetto fu adattato ad una squadra di calcio a 5 composta da amici e conoscenti con l’intento di creare occasioni di divertimento e condivisione sportiva.

E’ così che dal 5 Maggio del 2003 un gruppo di amici si ritrova  per qualche allenamento presso la palestra di un istituto tecnico di Padova. Al termine dell’estate nasce l’esigenza di creare un team fisso, col quale partecipare ad un campionato.

Con la parnership di Evans Bentivogli e nello specifico della Evans Salus Club, l’allora “Patavium 2003 Evans Salus” approda nel Campionato Provinciale U.I.S.P. a girone unico.
Dopo una stagione disastrosa dovuta alla giovanissima età dei componenti e all’inesperienza il desiderio dei componenti della stessa era quello di continuare e migliorarsi.

Mascotte (il piccione)

Il Patavium 2003 (ora senza il supporto da parte dell’Evans Salus) iniziò un ciclo autonomo con il Torneo Estivo Sacra Famiglia (estate 2004) incorporando nella rosa alcuni dei giocatori che poi segneranno una svolta nella squadra.

Con l’inserimento di nuovi elementi nasce la necessità di iscriversi in un campionato territoriale. La scelta cade sull’ OPE.S. Padova. Il campionato composto da 26 giornate tra andate e ritorno fu comunque molto ostico per una squadra di sedicenni. Comunque la squadra riuscì ad ottenere le prime vittorie storiche alla 22^ e 24^ giornata.

La stagione successiva la compagine (nuovamente rimaneggiata e sicuramente più competitiva) viene

Stemma dal 2007 al 2013

confermata nella stessa federazione, sempre in serie B. Il portiere del Patavium in quella stagione fu premiato: Greggio Mattia diventò miglior portiere della serie B Opes di Padova.
La squadra partecipò quindi al torneo estivo OPE.S. rimediando la Coppa Torneo Scarpone d’Oro per il quarto posto.

La stagione 2006/07 ha visto lo stop di una stagione da parte del Patavium 2003. Mentre parte dei giocatori storici continuarono con alcune amichevoli durante la stagione, un’altra parte fonda Gioventù Patavina presenziata da Matteo Girardi (che fino a quel momento era il vicepresidente del Patavium), gruppo che comunque conclude la sua piccola avventura con il finale della stagione.

Con la stagione 2007/08 il Patavium 2003 ha partecipato al campionato provinciale A.I.C.S., terminandolo in una buona e tranquilla metà classifica e superando due turni di Coppa Veneto A.I.C.S.

Dopo uno stop di qualche anno la squadra si ritrova sui campi di allenamento nell’estate del 2012, in attesa di una iscrizione ad un campionato provinciale per la stagione 2012/13.

Con l’occasione Matteo Venturini, Nicola Valentini e Mattia Greggio decisero di compiere il grande passo ed il giorno 26 settembre 2012 costituirono la Associazione Sportiva Dilettantistica Patavium 2003,  coprendo rispettivamente i ruoli di Presidente, Vice-presidente e Segretario della Associazione ora adeguata a polisportiva.

Questo nuovo sodalizio permise alla nuova compagine, formata da diversi nuovi volti ed alcune vecchie bandiere della squadra di calcio a 5, di assorbire parte dei giocatori del Walter Club (società sportiva che in quella stagione chiudeva i battenti) e di iniziare il primo campionato di Calcio a 11 della storia del Patavium 2003 con l’affiliazione all’Endas e la partecipazione al campionato provinciale UCP. Il campo di casa per gli allenamenti e per le partite è campo sintetico Brentella (impianto polifunzionale Filippo Raciti) ottenuto con concessione d’utilizzo dal Comune di Padova.

L’estate 2013 vide impegnata la rappresentativa di calcio a 5, dopo ben nove anni dalla prima partecipazione, al Torneo Estivo Sacra Famiglia. La squadra sfiorò l’accesso alla semifinale del torneo.

Il grande passo arrivò però nell’estate 2013 quando la A.S.D. Patavium 2003 divenne a tutti gli effetti una polisportiva. Nacque la sezione di Hockey su Prato che richiamò diversi ex atleti padovani ed alcuni nuovi aspiranti giocatori, improntando l’attività in maniera dichiaratamente promozionale con l’obiettivo di far conoscere l’hockey al più alto numero di persone.

Il primo test della squadra di hockey arrivò con la partecipazione al Torneo Estivo di Casale (di Scodosia), e sorprendentemente venne raggiunto il quarto posto.

La sezione calcio, invece, scelse di affiliarsi con l’ente promzionale C.S.I. e partecipò al campionato provinciale di Seconda Divisione. Il campo di allenamento rimase il sintetico Brentella (anche per l’Hockey), mentre le partite casalinghe furono ospitate dallo stadio Walter Petron, storico primo campo da gioco del Calcio Padova 1910.

In comunione con la Federazione Italiana Hockey CR Veneto, nel Dicembre 2013, il Patavium 2003 collaborò nella gestione dell’impianto O. Scalabrin (Dottesio) che fu usato come sede di tutte le attività polisportive, esclusa l’attività dell’Hockey indoor svolta  nella palestra Olympia.

Entrano nel Consiglio Direttivo, già composto dai fondatori Greggio, Valentini, Venturini), Giulio Lazzarin e Alberto Basso; proprio quest’ultimo venne nominato Segretario al posto di Mattia Greggio.

Scudo Patavium

Attuale Stemma (dal 2013)

Il 2013 fu anche l’anniversario decennale dalla fondazione della società. Con l’inaugurazione del nuovo impianto sportivo casalingo, in presenza dell’Assessore allo Sport di Padova Zampieri, del Presidente di Quartiere 5 di Padova Francesco Pavan e del Presidente FIH CRV Iobstraibizer si celebrarono i dieci anni di attività e venne presentato dall’allora Presidente Matteo Venturini il nuovo stemma societario.

Il 17 dicembre 2013 arrivò la terribile notizia della scomparsa di Evans Bentivogli a seguito di una lunga battaglia per un tum0re al pankreas. La società rimase profodamente shockata e cercò di rendere omaggio all’amato Professore attraverso un Memorial fortemente voluto dal Presidente Venturini.

Con quasi 200 soci, oggi il club conta sezioni di Basket, Calcio, Futsal, e Hockey, gestisce autonomamente l’impianto comunale Scalabrini e dispone di un settore giovanile con squadre di hockey, calcio  e multisport.

Top